pudenda

giovedì 7 febbraio 2008

u. s. v.

la sera che t'ho rincontrata
mannaggia che fare non so
tu stavi mangiando insalata
io stavo cagando però

il tuo sguardo nobile attento
a se mi tirò calamita
millenni passar nel momento
rividi la mia stessa vita

fuggir non potei più e più forte
mi tirava a sè il tuo calesse
per poco non trovai la morte
in te mio amor mia bici-esse.

6 commenti:

uno che non è della redazione ha detto...

ey ragazzy siete fikissimy!

Daniela ha detto...

ciao vi seguo da sempre ma non ho mai avuto il coraggio. volevo dirvi.

Daniele ha detto...

Salve sono della buoncostume. Vi succhio il pene.

Benfico ha detto...

Salve sono un sondaggio dell'Istat. Secondo me un buon numero di italiani vi paragona alla ciliegina nella scarpa.

Il pignolo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
rimpianti senza caffeina ha detto...

il commento precedente è un'occasione mancata per sempre.