pudenda

sabato 19 aprile 2008

Alla fine non ho resistito e ho preso Hoshigami

Ci ho giocato per un ora e devo dire che la prima impressione è positiva.
Ho fatto due missioni e la meccanica di gioco è decisamente simile a final fantasy tactics. Con delle differenze.
Lo stile che caratterizza i personaggi e gli ambienti mi ricorda non poco quello di Fire Emblem, quindi un pò più cupo di FFT. Inoltre se nel corso di una missione muore un nostro mercenario sarà perso per sempre cosa che avveniva solo in alcune zone in FFT. Non ci sono delle classi ma delle divinità da adorare, sei per la precisione. Ogni divinità fornisce diverse abilità che aumentano con la devozione verso quella divinità (uccidere i nemici oltre a dare exp da anche punti devozione). Per esempio: La divinità fuoco aumenta abilità spada e incantesimi fuoco, quella fulmine aumenta tiro con l'arco e incanesimi fulmine.
Inoltre ogni divinità fornisce 20 abilità specifiche che si imparano poco alla volta, ma con solo tre di esse sarà possibile equipaggiarsi prima di ogni missione.
Il campo di gioco è in 3D ruotabile mentre i personaggi sono 2D.
Si possono schierare massimo 7 personaggi mentre gli avversari sono anche di più (anche qui a differenza di FFT dove si era quasi sempre in numero uguale).
Non mi sento ancora di dargli un giudizio definitivo, certo la prima impressione è decisamente positiva.
Vedremo....

1 commenti:

timorato ha detto...

presagi di pigoz?